+39 0712855111 info@confindustriapge.it

A sostegno della continuità produttiva delle imprese sono state messe in campo diverse iniziative,  identificando e proponendo il recepimento di soluzioni di intervento funzionali a sostenere il sistema produttivo e tutelare la salute dei lavoratori, anche attraverso la forte azione complessiva di Confindustria. Tra queste:

 - supporto alle aziende localizzate nelle zone c.d “rosse” che non potevano procedere alla consegna di merce strategica per altre attività produttive;

 - sostegno al recepimento di soluzioni necessarie a proseguire le attività (es. applicazione automatica dello smart-working su tutto il territorio nazionale);

 - individuazione di procedure di comportamento e regole certe da seguire funzionali a garantire la sicurezza dei lavoratori e la continuità produttiva. Sono stati, quindi, definiti dei modelli procedurali da applicare sul territorio nazionale utilizzando le esperienze di singole imprese coadiuvate dal PGE. L’attività ha poi portato, grazie al contributo di Confindustria, alProtocollo di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro" condiviso dalle parti sociali poi aggiornato in vista della ripresa delle attività nella Fase2;

 - richiesta di chiarezza sul tema degli screening sierologici con la finalità di dare certezza alle imprese anche alla luce della circolare del Ministero della Salute del 9 maggio scorso;

 - azioni per poter disporre di DPI e mascherine di protezione anche per l’industria privata che altrimenti non avrebbe potuto assicurare la sua continuità produttiva. Tra queste rientra l’accordo informale con i vertici di Protezione Civile che ha permesso l’importazione e lo sdoganamento di partite estere di DPI e mascherine previa donazione del 20% delle forniture. Questo al fine di evitare la possibile requisizione delle merci importate;

 - stipula dellintesa con il Commissario per l’emergenza finalizzata a semplificare le procedure di sdoganamento di DPI e mascherine chirurgiche ordinate dalle imprese di qualsiasi settore produttivo tramite specifici “accordi quadro” siglati da Piccola Industria. Questo in una fase di forte difficoltà delle importazioni di tali beni;

definizione di diversi Accordi Quadro con cui mettere a disposizione del Sistema mascherine chirurgiche e DPI a prezzi stabiliti e con certificazioni a norma verificate in collaborazione con Confindustria Dispositivi Medici e Assosistema. Attraverso queste partnership sono state messe a disposizione del Sistema più di 12milioni di mascherine, tra chirurgiche e ffp2;

- analisi dei fabbisogni di DM e DPI con una survey realizzata in collaborazione con il Centro Studi Confindustria. L’indagine ha quantificato (a fine marzo) le necessità (oltre 365 milioni di mascherine al mese, di cui 300 milioni di chirurgiche, circa 34 milioni di FFP2 e quasi 39 milioni di FFP3) delle imprese industriali del Paese e ha permesso di definire le azioni per ridurre il differenziale tra domanda e offerta;

- creazione del database Fornitori Covid 19 accessibile dal sito di Confindustria in cui trovare o inserire i riferimenti delle aziende associate al Sistema che offrono la loro qualificata esperienza nel settore. In pochi giorni dalla sua attivazione più di 400 aziende associate hanno segnalato oltre 600 prodotti e servizi anti Covid.